Comuni

Somma Vesuviana, sostenere le donne vittime di violenza sulle donne: la Regione finanzia con 64mila euro il progetto realizzato del Comune

loading...

Somma Vesuviana, 26 Aprile –  Un altro obiettivo raggiunto  dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Di Sarno e  la “SVOLTA” continua.  Donne vittime di violenza, la Regione ha finanziato il progetto di sostegno del Comune di Somma Vesuviana. Inclusione socio-lavorativa della donna vittima di violenza, azioni di accoglienza ed orientamento al lavoro, tirocini di inserimento o reinserimento al lavoro. Si tratta di un progetto presentato dall’Ente guidato da Di Sarno nell’ambito dell’avviso pubblico “S.V.O.L.T.E. Superare la Violenza con Orientamento, Lavoro, Tirocini, Esperienze formative”.

La proposta del Comune di Somma Vesuviana è stata ammessa a finanziamento per l’importo massimo, 64.000 euro. “Questo finanziamento ci consente di integrare l’offerta di servizi a favore delle donne vittima di violenza di genere”,  spiega il capogruppo consiliare di “Svolta Popolare” Sergio D’ Avino.  “Potremo, infatti, porre in essere delle azioni positive per l’emancipazione economica e l’inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza, liberandole dal ricatto economico” conclude l’assessore alle Pari Opportunità Maria Vittoria Di Palma.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.