Politica

Sciopero medici, Rostan (LeU): “Servizio sanitario nazionale abbandonato dal Governo, più fondi nella manovra per ridurre squilibrio Nord Sud. In Campania vuoti di organico inaccettabili”

Napoli, 23 Novembre – “Il Governo ha abbandonato il Servizio sanitario nazionale al proprio destino, per questo ritengo sacrosante le rivendicazioni dei medici che sono scesi in piazza oggi numerosi. Abbiamo chiesto, e continueremo a farlo, che vengano assegnati più fondi  alla sanità per la riduzione del gap tra Nord e Sud del Paese in termine di prestazioni , per l’abolizione del superticket per la riduzione dei tempi delle liste d’attesa e per investire in sicurezza del personale sanitario.
In Aula daremo battaglia per portare a casa questi quattro risultati che sono imprescindibili per una sanità pubblica come quella italiana che deve continuare ad essere tra le prime al mondo. La carenza di personale in molte strutture sanitarie pubbliche rischia inoltre di causare seri problemi all’utenza. Un caso su tutti è quello della Campania dove risultano esserci almeno 3mila posizioni vacanti da colmare. Si tratta di una situazione insostenibile per la quale è opportuno intervenire al più presto per evitare ulteriori penalizzazioni  per gli ammalati e le loro famiglie”.
Lo ha dichiarato la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera, Michela Rostan.

Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa