Cronaca

Nola, rifiuti: maxi sequestro in un terreno agricolo

loading...

Napoli, 31 Agosto – Passano i mesi, gli anni, i governi, i sindaci e anche i governatori ma nella Terra dei Fuochi si continua a sversare rifiuti illegalmente.

 Oggi i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno sequestrato, nel comune di Nola, oltre 200 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi e non, residuo della lavorazione industriale, depositati in maniera incontrollata su un fondo agricolo di circa 1.500 mq.

 I militari della compagnia di Nola hanno sorpreso in flagranza di reato un individuo mentre era intento a scaricare nell’area un carico di rifiuti speciali; è stato denunciato. Eppure i controlli non sono mancati, in particolare le fiamme gialle nolane, da inizio 2018, hanno complessivamente sottoposto a sequestro 9 discariche abusive, su una superficie pari ad oltre 22.320 metri quadrati, segnalando all’autorità giudiziaria competente 14 responsabili ed accertando lo stoccaggio di circa 1.500 tonnellate di rifiuti speciali, dei quali 3.200 chilogrammi di rifiuti pericolosi.

Per fortuna il coordinamento inter-forza “Terra dei Fuochi” non si ferma. Ma non si può non rimanere sconcertati al cospetto di chi continua a mettere in ginocchio la nostra terra.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.