Comuni

Napoli, Ristrutturazione Area Mercato ed I&R tra stupore ed incredulità

loading...
Napoli, 26 Luglio – Si è svolta questa mattina dinnanzi alle sedi Enel di Napoli site in via Galileo Ferraris ed in Via De Gasperi, un’intensa attività di sensibilizzazione riguardante la ristrutturazione dell’Area Mercato. L’iniziativa, organizzata della Ugl Chimici della Campania ha visto la partecipazione di delegazioni provenienti da tutte le province della regione.
Il folle progetto orientato a dismettere a terzi tutti i Punti Enel determinerà forti disagi a Milioni d’Italiani – ha commentato il Segretario Provinciale della Ugl Chimici di Napoli Salvatore Pomo – la società ha prima investito ingenti risorse finanziare in Punti adibiti alla vendita di elettrodomestici, iniziativa commerciale al dir poco disastrosa, e poi ha creato una società ad hoc, contenitore di attività fallimentari. Adesso – ha proseguito il sindacalista – vorrebbe svendere a privati i Punti Enel d’eccellenza, una scelta che a nostro giudizio appare confusa e che potrebbe comportare la svalutazione dl marchio”.
Per il Segretario Regionale della Ugl Campania Gaetano Panico che ha partecipato all’iniziativa l’auspicio è quello che l’azienda si metta al passo coi tempi, scommettendo su nuove tecnologie e risorse umane che possano operare stabilmente.

 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.