Politica

La Doria, Rostan (LeU): “Inaccettabile assenza della proprietà al tavolo. Proseguiremo battaglia per impedire la chiusura dell’insediamento di Acerra”

Napoli, 4 Settembre – “L’assenza di rappresentanti della proprietà dell’azienda La Doria al tavolo istituzionale convocato presso la sede della Regione Campania, al quale era presente anche il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, è inaccettabile. Una fuga dalle responsabilità che poco fa onore a questi imprenditori.  Noi proseguiremo la battaglia per impedire la chiusura dell’insediamento di Acerra, che andrebbe a indebolire ulteriormente un’area che vive già forti disagi occupazionali, e invitiamo ancora una volta la proprietà a tornare sui propri passi e a sedersi intorno a un tavolo nell’interesse di tutti.

Principalmente quello di un territorio generoso, che non merita affatto di essere mortificato in questa maniera, e dei suoi lavoratori che non possono subire deportazioni forzate in nome del profitto di un’azienda che non ha nemmeno la decenza di sedersi a un tavolo istituzionale per ascoltare le posizioni dei lavoratori, del sindaco, del vescovo e del ministro al Lavoro della Repubblica”.  Lo ha dichiarato Michela Rostan, vicepresidente della commissione Affari sociali della Camera.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa