Comuni

Scisciano, clima politico incandescente: Il primo cittadino querela consigliere di opposizione

Il sindaco Edoardo Serpico querela per diffamazione il Consigliere comunale Raffaele Ambrosino, a suo dire, di averlo offeso con un post su Facebook.

Il sindaco di Scisciano Edoardo Serpico nel pomeriggio di ieri ha querelato il consigliere comunale per diffamazione e danno di immagine.

Serpico si è presentato ai carabinieri di San Vitaliano e ha firmato la querela – denuncia. Ora scattano le indagini con rapporto finale sulla vicenda, che sarà girato alla Procura della Repubblica.

La vicenda sarebbe legata ad un esborso di 48000 euro a favore della ditta raccolta rifiuti, con affermazioni che il consigliere querelato, Raffaele Ambrosino, avrebbe fatto su Facebook il 19 giugno 2018 e che sono state ritenute diffamanti dal sindaco.

La decisione di adire alle vie legali, il sindaco la preso “dopo aver atteso invano, per quasi tre mesi, dal consigliere scuse pubbliche”.

Nel suo post Raffaele Ambrosino scriveva: ” Sindaco Edoardo Serpico, per cortesia, date conto alla cittadinanza delle motivazioni di esborso aggiuntivo ed incondizionato dell’importo di euro 48.000 (vedasi penultimo consiglio comunale) prelevati dalle casse comunali a carico della cittadina di Scisciano a favore della ditta raccolta rifiuti in procinto, peraltro, di fallimento?”

“É evidente – comunica il Sindaco Serpico – il discredito che l’Ambrosino ha voluto attuare dell’immagine e della reputazione dello scrivente come amministratore e come persona rispettosa della legge, utilizzando una piattaforma consultabile da un numero indiscriminato di persone ed argomentazioni destituite e prive di ogni fondamento”.

“Non solo alla ditta non sono state elargite risorse aggiuntive – conclude il primo cittadino – ma addirittura sono state applicate penali per circa 37.000 euro”.

Si apprende, che, il sindaco abbia agito comunque in assenza di delibera di giunta la quale lo autorizzasse a procedere per la querela.

Adesso le autorità preposte dovranno stabilire se ci sia un aspetto della dimensione pubblica del destinatario è non del singolo, anche duramente contestato, e, le frasi usate nel post non siano volgarmente e gratuitamente offensive.

image_pdfimage_print

Collaboratore freelance, convinto assertore del giornalismo moderno, fatto di social, notizie in tempo reale attraverso i più svariati mezzi di comunicazione attualmente in circolazione ed in continua evoluzione. Adoro il mare, amo viaggiare e scrivere: la cultura è la risposta alla vita quotidiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *