Comuni

Castellammare di Stabia, Cimmino:”Voglio un confronto con Sommese. Basta col prendere in giro gli stabiesi”

Manca dalla città dal 2008: cosa ha fatto per il nostro ospedale quando era assessore in Regione Campania?”

 

Castellammare di Stabia – “Lo sanno i cittadini che l’Asl è diventata un serbatoio di voti. Castellammare di Stabia ha bisogno di chiarezza, stop a logiche di potere”

 “Voglio un confronto con l’onorevole Pasquale Sommese: è inaccettabile che i cittadini vengano presi in giro da chi manca dalla città da dieci anni”. Così Gaetano Cimmino, candidato sindaco del centrodestra al ballottaggio del prossimo 19 giugno a Castellammare di Stabia.

“In Regione Campania il consigliere regionale Sommese, eletto con il centrodestra è in una commissione. – ha continuato Cimmino – In un suo recente intervento, però, ha affermato che con le civiche che appoggiano il centrosinistra si vince. Allora se vuole essere coerente dovrebbe dimettersi da presidente della IV commissione speciale dimostrando così di non appartenere solamente a logiche di potere. Invece, nelle scorse ore, è intervenuto nel dibattito politico stabiese. Sommese dovrebbe farci capire, visto che manca dalla città dal 2008, cosa ha fatto per il nostro ospedale quando era assessore regionale, dovrebbe dirci quali provvedimenti ha messo in atto per evitare la scomparsa o la distruzione del San Leonardo. È inaccettabile che si parli sempre del nostro ospedale, che dovrebbe essere un’eccellenza, come di un luogo da evitare.

Lo sanno i cittadini che l’Asl è diventata un serbatoio di voti gestito da Sommese? Lo sanno che il candidato sindaco del centrosinistra a Castellammare è stato scelto tramite un accordo tra Sommese e il capogruppo del Partito Democratico al consiglio regionale Mario Casillo? È inaccettabile però che i cittadini stabiesi vengano presi in giro da chi manca dalla città da dieci anni”.

 

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa