Comunicati

Mariglianella, Esposito (M5S): “Acqua: tradita ancora una volta la volontà popolare”

Mariglianella – In Consiglio Comunale del 27 Aprile 2016 con l’Adesione all’Ente Idrico Campano (EIC) ai sensi dell’art.21 L.R. 15/2015, praticamente HANNO RICONSEGNATO l’acqua pubblica nelle mani dei PRIVATI…!!!

Abbiamo da sempre avuto una posizione diametralmente opposta sull’acqua, dalla campagna referendaria del 2011 che ci ha visti impegnati in prima linea con raccolta firme, gazebo, volantinaggio e campagne di informazione e sensibilizzazione. 
‪cittadini votarono per l’acqua pubblica e questa e la scorsa amministrazione comunale vanno nella direzione completamente opposta, vedi il voto favorevole del nostro sindaco a favore degli aumenti tariffari, vedi il voto favorevole per le “famose” bollette del “Recupero Partite Pregresse” mediante delega al Sig. Cimitile, vedi il rifiuto netto da parte del nostro sindaco di aderire alla Rete dei Sindaci per uscire dalla ‪GORI S.pA., ecc..

 

MA SI PERSEVERA…

Con grande amarezza vi comunico che l’emendamento presentato sull’approvazione dello Statuto dell’Ente idrico Campano, presentato in Consiglio Comunale non è stato neanche preso in considerazione…!!!!
Volevamo chiedere al Sindaco di ‪Mariglianella di assumere l’impegno a promuovere la gestione pubblica dell’acqua per affidare la gestione del Servizio Idrico Integrato unicamente ad Enti di diritto pubblico, quali aziende speciali o aziende speciali consortili come previsto dall’articoli 113 e dall’articolo 114 del TUEL.

Un emendamento che, inoltre, riconosceva:
1. il DIRITTO umano all’‪acqua, l’accesso all’acqua quale diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua quale BENE COMUNE;
2. Il servizio idrico integrato quale servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, le cui gestione va attuata attraverso gli art.31 e 114 del D.Lgs n.267/2000 (TUEL).

La loro risposta: “È solo una Presa d’Atto, non possiamo emendare nulla”.

Una scelta, la loro, che accentra i poteri decisionali nelle mani di pochi, nelle mani della E.I.C….allontanando e annullando completamente il potere dei sindaci e di partecipazione da parte dei cittadini. 
Tutto nelle mani delle lobby…!!!

Secondo loro, io sono un demagogo.

Beh, se demagogo significa difendere un bene comune quale è l’acqua, allora sono FIERO di essere un DEMAGOGO…!!!

 

Il mio voto: NO…!!!
Il M5S Mariglianella vota: NO…!!!

NO: perché l’acqua appartiene a TUTTI;
NO: perché per l’ennesima volta ribadiamo e vogliamo un progetto di riordino ispirato alla pubblicizzazione del servizio idrico e alla partecipazione dei cittadini;
NO: perché dovrebbero essere garantiti almeno 50 litri di acqua quale diritto alla vita, all’igiene e alla salute;
NO: perché vogliamo che le competenze assegnate all’EIC devono invece essere affidate alle assemblee dei sindaci;
NO: perché vorremmo che la legge rendesse alla gestione pubblica e quindi qualora non possa prevedere da subito la ripublicizzazione del servizio, prevedesse, già all’atto della sua stesura, le modalità di uscita dalla gestione privata, agevole sul piano burocratico ed economico.

Il ‪#‎M5S non si arrende…!!

L’acqua DEVE tornare ad essere un Bene Comune e non un business per pochi e per le lobby degli amici…!!!

 

Arch. Leopoldo Esposito

Consigliere Comunale M5S Mariglianella

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print