Sports

Champions League, Manchester City-Napoli 2-1: azzurri a testa alta e con qualche rimpianto

Manchester, 17 Ottobre – Arriva l’attesissima notte Champions e il Napoli di Maurizio Sarri si trova di fronte il City di Pep Guardiola. Un grande spot per il calcio: si affrontano due squadra con la stessa identica filosofia, quella della rivoluzione del  gioco: possesso palla e calcio d’attacco. Straordinaria l’atmosfera allo Etihad Stadium con una splendida iniziativa che arricchisce di fascino il match: risuonano le note di una delle più famose canzoni al mondo “Funiculì Funicula”! Sarri intanto fa tournover a centrocampo con Diwarra e Zielinki titolari, per il resto è il solito Napoli.

Gara dai due volti. Straordinaria mezz’ ora iniziale del City che mette alle corde il Napoli passando avanti di due gol, ma un rigore sbagliato da Mertens poteva cambiare le sorti del match. Nei minuti finali del primo tempo e soprattutto nella ripresa i partenopei schiacciano gli inglesi e accorciano le distanze con un altro calcio di rigore trasformato da Diawara. Il Manchester passa per 2-1 ma gli uomini di mister Sarri quando decidono di giocare fanno paura anche ad uno squadrone come quello di Guardiola.

 

LA CRONACA. Gran ritmo in campo fin dai primi minuti di gioco. Il City prende l’iniziativa con un lungo possesso, ma il Napoli pressa alto nel tentativo di rubare palla e ripartire in velocità. Scocca l’ottavo minuto, gli uomini di Guardiola passano in vantaggio. Galoppata sulla fascia di David Silva, assist al centro, Walker spara di prima, ma Albiol è bravo a ribattere. La sfera va nella zona di Sterling che trafigge Reina: 1-0. Il Napoli è in bambola e al 12’ va ancora sotto. Grande forza e qualità del City. De Bruhne scatta sulla sinistra, traversone di prima al centro, interviene Gabriel Jesus, controlla senza patemi e la mette nel sacco: 2-0. I partenopei soffrono le pene dell’inferno e subiscono il possesso palla di qualità degli uomini di Gardiola. Al 24’ ancora City vicino al gol con un’azione portata avanti a velocità supersonica. Triangolo strettissimo al limite dell’area azzurra, De Bruyne controlla e spara un sinistro al fulmicotone che si stampa all’incrocio dei pali con Reina battuto. Azzurri schiacciati dalla grande veemenza degli inglesi. Al 36’ la partita sembra però prendere una piega favorevole ai partenopei. Wolker tira giù in piena area Albion e il direttore di gara decreta il calcio di rigore. Dagli undici metri il folletto belga si fa incantare da Ederson che si allunga e respinge. Nulla da fare. Gli uomini di Sarri non mollano, giocano con più qualità e coraggio, costringendo il City a indietreggiare fino alla fine della prima frazione di gioco.

Nella ripresa aggressivo l’atteggiamento degli azzurri che conferma una confortante crescita. Con grande rabbia e determinazione prendono in mano la gara, il City vacilla, mostrando di soffrire il gioco della Sarri band. Al 63’ grande occasione Napoli. Gli azzurri pressano molto alto, Mertens ruba il tempo al diretto avversario, recupera e cede la sfera al centro per Hamsik. Botta tremenda del capitano ma sulla traiettoria è fortunato Stones che con il corpo devia in angolo un gol quasi fatto. Il Napoli ci crede e al 71’ c’è ancora un calcio di rigore. Gran penetrazione in area di Ghoulam, Fernandinho si incarta e non può fare altro che metterlo giù. Rigore sacrosanto! Dagli undici metri questa volta va Diawara che con grande fredezza la mette nel sacco: 2-1. I partenopei sentono l’odore del sangue e caricano a testa bassa, il City sbanda paurosamente più di una volta ma riesce a rimanere in piedi fino alla fine. Grande secondo tempo dei partenopei che nonostante la sconfitta escono a testa alta e tra gli applausi dall’Etihad Stadium.

 

Formazioni.

(Stadio “Etihad Stadium”)

Manchester City (4-3-3): Ederson, Walker, Stones, Fernandinho, Otamendi, Delph, De Bruyne, David Silva, Sterling, Gabriel Jesus, Sanè. Allenatore: Guardiola.

 

Napoli (4-3-3): Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam,Hamsik, Diawara, Zielinski, Callejon, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri.

Arbitro: Lahoz (Spagna). Assistenti: Devis e Del Palomar. IV Uomo: Sobrino. Ad: Del Cerro-Hernandez.

 

Reti: all’8’ Sterling. Al 12’. Gabriel Jesus.

Sostituzioni: Al 56’ esce Insigne ed entra Allan. Al 69’ esce Sterling ed entra B. Silva. Al 69’ esce Hysaj ed entra Maggio. Al 75’ esce David Silva ed entra Gundogan. Al 76’ esce Hamsik ed entra Ounas. Al 86’ esce Gabriel Jesus ed entra Danilo.

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=HeXGuJM7uCw

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print