Politica

Napoli, Buoni scuola. Mara Carfagna (FI):”Gravissimo ritardo che penalizza famiglie povere”

loading...

Napoli, 12 Febbraio – “Solo a Napoli ci sono dodicimila e cinquecento famiglie povere che a cinque mesi dall’inizio dell’anno scolastico non hanno ancora ricevuto il rimborso per i libri scolastici dei loro figli, che pure spetta loro di diritto. È un fatto gravissimo, che coinvolge tutta la Campania,  specie se si considera quanta retorica è stata fatta ancora nelle settimane scorse su scuola, baby gang e devianza giovanile.

Quale messaggio dà lo Stato, per tramite delle amministrazioni locali, se non riesce a garantire un diritto ai suoi figli, se chiede a famiglie con un reddito annuale inferiore ai 10.600 euro di anticipare i soldi per l’acquisto dei libri scolastici e ritarda il pagamento soltanto per mere questioni burocratiche, per disorganizzazione?”. Così Mara Carfagna, portavoce dei deputati di Forza Italia e consigliere comunale a Napoli sul caso dei ritardi nel pagamento dei bonus libri nella Regione Campania. “E pensare che alla Campania sono spettati 6 milioni e 300 mila euro. Questa inefficienza dell’Istruzione che sta penalizzando le famiglie povere della Campania ha un precedente: anche i criteri di riparto dei fondi per gli asili nido erano stati scritti in modo da penalizzare la nostra Regione”, conclude Carfagna

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.