Politica

Ambiente, Viglione:”La messa in sicurezza Resit non sia il solito spot”

Napoli, 27 luglio 2016 –  “L’apertura del cantiere della messa in sicurezza dell’ex Resit, una discarica in cui tra gli anni ’80 e ’90 sono state smaltite oltre un milione di tonnellate di rifiuti, di cui la metà speciali e pericolosi provenienti anche dal Nord Italia, non si trasformi in uno spot permanente a favore di telecamera per il presidente De Luca. E’ tempo di fare sul serio in Campania”. Lo dice il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Vincenzo Viglione, segretario della Commissione Ambiente che sottolinea: “Voglio ricordare che la Resit è stata gestita, a partire dagli anni ’80, da Cipriano Chianese, pochi giorni fa  condannato a 20 anni di reclusione per disastro e associazione mafiosa”. “Il risanamento e la bonifica dell’interno territorio di Giugliano – continua – deve diventare una priorità della Regione Campania e del Governo”. “Non c’è infatti solo Resit, molte aree di Giugliano sono state martoriate e contaminate – sottolinea – un disastro ambientale dalle proporzioni enormi che va cancellato attraverso un programma serio e rigoroso di bonifiche”. “Il Movimento 5 Stelle con i cittadini vigilerà come sempre su tutti gli atti e sui tempi – conclude Viglione – e attraverso i parlamentari terrà il fiato sul collo anche sul  Governo”.

 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa