Politica

9 Novembre, anniversario caduta Muro di Berlino, Lopa-Catapano (MNS) “Grave il silenzio delle Istituzioni napoletane”

loading...

Napoli, 9 Novembre – Nella cappa silenziosa e impalpabile calata su di una Napoli sempre più rassegnata ad una pochezza che per ruolo di ex capitale europea svolto ed antico lignaggio non può appartenerle, sta passando un po’ sotto silenzio il 28°anniversario della caduta del muro di Berlino. Evidentemente c’è ancora in Italia chi vuole nascondere i regimi Comunisti che ancora opprimono interi popoli, vedi Birmania e Tibet, alla nuova strategia della tensione, passando per la vergogna del silenzio su Telekom Serbija e Telekom Cuba, Unipol, Bnl, Monte dei Paschi, Banca Etruria ecc. ecc. fino a chiedere che quelle città, come Napoli, ancora celebrino uomini come Lenin e soci, intitolando loro una via: abbiano il coraggio di fare i conti con la storia modificando la toponomastica, magari con una via intitolata ai martiri del Comunismo.

Troppo spesso dimentichiamo che la libertà non è ovunque. In Cina, in Corea del Nord, a Cuba e non ultima la Birmania, esistono ancora regimi che si rifanno ad un’ideologia ormai sconfitta dal tempo e dalla storia. È una questione di civiltà raccogliere il grido di dolore che proviene da quei popoli oppressi, così come dobbiamo avere la forza di combattere la pericolosa realtà di una nuova strategia della violenza che riporta l’Italia indietro di quarant’anni. Bisogna chiedere la verità sui finanziamenti pubblici ai regimi comunisti e sanguinari, perché vogliamo che sia fatta chiarezza al più presto e che vengano chiarite eventuali responsabilità di chi governava in quegli anni, oltre ad evidenziare le inadempienze delle giunta di sinistra-centro che oggi drammaticamente rappresentano il quotidiano come: la disoccupazione, emergenza rifiuti, il commercio che non decolla, l’emergenza sanitaria e farmaceutica, la mancanza di una programmazione per le attività socio sportive culturali, la sicurezza pubblica e i trasporti, la mancanza di una politica per i disabili e per gli anziani.

Abbiamo inviato questa nostra missiva, per denunciare una vera e propria vergogna della toponomastica di alcune città della Campania: l’esistenza di strade intitolata a vari esponenti di quel regime che ha causato decine di milioni di morti. Chiediamo quindi che ci sia anche, proprio in occasione dell’anniversario della caduta del muro di Berlino, che vengano intitolate strade Ai Martiri del Comunismo, e tributare gli onori dei caduti per la libertà. Nel 2017 l’Europa deve avere il coraggio di gridare forte mai più dittatura, mai più oppressione, mai più comunismo, mai più all’effimero di Palazzo San Giacomo e alla demagogia di Palazzo Santa Lucia. Cosi i Dirigenti Nazionali, Rosario Lopa e Alfredo Catapano, del Movimento Nazionale per la Sovranità di Alemanno e Storace.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.