Comuni

Pollena Trocchia, Servizio Civile: il comune ospiterà il progetto”PIÙ INFORMATI PIÙ TUTELATI”

SI CERCANO 12 VOLONTARI, DOMANDE FINO AL 28 SETTEMBRE
Pollena Trocchia 29 Agosto – Ancora una volta il Comune di Pollena Trocchia ospiterà un progetto del Servizio Civile Nazionale. Anche quest’anno, dunque, una delle sedi di svolgimento delle attività progettuali presenti nel bando pubblicato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale sarà il comune vesuviano, con il progetto “Più informati più tutelati”, che prevede l’impiego di 12 volontari di età compresa tra i 18 e i 29 anni non compiuti. Il termine per l’invio delle domande, che si potranno recapitare tramite Pec, a mezzo raccomandata A/R e a mano, è fissato per il prossimo 28 settembre. L’obiettivo del progetto è quello di ampliare il bacino di informazioni che i cittadini di Pollena Trocchia hanno a disposizione in merito ai diritti, alle prestazioni e alle modalità di accesso ai servizi.
“Con il progetto Più informati più tutelati si punta a consentire ai cittadini un miglior accesso ai servizi socio-assistenziali e socio-sanitari erogati sul territorio e ad accrescere la loro conoscenza dei diritti e dei doveri nonché delle modalità di esercizio e tutela, creando nuove opportunità di integrazione e socializzazione. Questo, attraverso l’impiego di giovani volontari, che potranno così fornire un contributo alla comunità cittadina e far esperienza nel mondo del lavoro” ha detto il Sindaco di Pollena Trocchia, Carlo Esposito. “Sono ormai diversi anni che il nostro Comune presenta progetti di Servizio Civile che vengono approvati dal Dipartimento e ci consentono in questo modo di offrire a tanti ragazzi del territorio la possibilità di cominciare ad acquisire competenze e conoscenze che potranno rivelarsi utili nel mondo del lavoro” ha spiegato l’Assessore alle politiche giovanili e vicesindaco Pasquale Fiorillo, che ha ricordato i requisiti di ammissione: oltre a quello dell’età, il possesso di cittadinanza italiana, di stato membro dell’Unione Europea o di regolare permesso di soggiorno, l’assenza di condanne a pena di reclusione superiore a un anno e il non aver già prestato servizio civile precedentemente.
image_pdfimage_print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *