Comuni

Napoli, manca il numero legale: consiglio saltato. Il PD: “Da de Magistris solo giravolte e svilimento del ruolo del Consiglio”

 
Napoli, 24 Luglio – Sulla questione Bagnoli, dopo  la mancata seduta del consiglio comunale di Palazzo San Giacomo, si alza forte la voce del partito democratico. Venanzio Carpentieri, segretario del PD Metropolitano di Napoli, si scaglia contro il primo cittadino de Magistris. “La mancata celebrazione della seduta di consiglio comunale – dichiara il segretario Carpentieri –  fissata per questa mattina conferma le critiche che da tempo il Pd ha mosso nei riguardi dell’approccio utilizzato dall’Amministrazione De Magistris per affrontare il tema Bagnoli.
 
Dopo aver sistematicamente “dribblato” ogni richiesta di discutere preventivamente in Consiglio le decisioni che il Comune di Napoli avrebbe dovuto rappresentare in seno alla Cabina di Regia, il Sindaco avrebbe voluto quest’oggi dar vita ad una mera passerella, convocata a giochi fatti per giustificare il suo clamoroso dietrofront dopo anni di inutili e dannose barricate ideologiche.
La seduta di oggi – prosegue Carpentieri –  avrebbe dovuto semplicemente ratificare qualcosa di già deciso, comunicato prima alla stampa e poi all’organo rappresentativo della comunità partenopea; essa avrebbe, d’altro canto, certificato formalmente lo svilimento del ruolo del Consiglio, portato avanti proprio da chi, dopo l’approvazione dello “Sblocca Bagnoli”, aveva gridato all’esproprio delle competenze comunali. 
Il flop in aula è, dunque, l’ennesima dimostrazione del metodo fallimentare adottato da De Magistris che – come evidenziato dalle assenze di oggi – non gode neanche più del sostegno della sua maggioranza.
 
Forti del senso di responsabilità politica che ci distingue, confermiamo la disponibilità a partecipare in futuro alla discussione sulle scelte che ancora restano da compiere in relazione al progetto di rilancio dell’area di Bagnoli, a condizione che il coinvolgimento da parte dell’Amministrazione abbia luogo in via preventiva e non a fronte di decisioni già assunte. Ribadiamo, in ogni caso, la necessità di andare speditamente avanti nell’attuazione del progetto, che, è bene ribadirlo, oggi – conclude il segretario –  vede la luce grazie alla caparbia azione dei governi a guida PD.
In ciò, a nostro modo di vedere, si concretizza quella correttezza istituzionale che ha sempre ispirato il nostro agire politico”.

image_pdfimage_print