Magazine

Un po’ d’Italia nel mondo dell’intrattenimento globale

Napoli, 7 Novembre – Da millenni la nostra penisola, sin dai tempi dei greci prima e dei romani poi, influenza inevitabilmente il mondo e la cultura di tutto l’occidente. Nel corso dei secoli sono state centinaia le invenzioni di artisti, ingegneri, musicisti e inventori italiani che hanno cambiato per sempre le abitudini di tutti noi e, di conseguenza, la storia dell’umanità. Anche nel mondo dell’intrattenimento, inteso nel senso più esteso del termine, gli italiani hanno dimostrato di essere da sempre un passo, se non due, davanti a tutti ed oggi andremo a scoprire quali sono state le “invenzioni” che, a nostro avviso, dimostrano in modo inequivocabile tale tendenza.

Venice Sunset Architecture Grand Canal Italy

Il primo casinò al mondo

Venezia ha dominato per secoli il Mediterraneo in quanto, al suo apice, i suoi possedimenti si estendevano dalle zone della laguna sino ai territori dell’attuale Croazia e della Grecia, persino insulare. Il fascino della città veneta è conosciuto in tutto il mondo ma non tutti sanno che è nota anche per essere detentrice di un altro primato, come ricorda l’articolo pubblicato sul sito di Betway Casinò: il Casinò di Venezia è riconosciuto come la prima e più antica casa da gioco al mondo. La sua fondazione risale al 1638, grazie ad un colpo di genio di alcuni personaggi facenti parte dell’elite cittadina la cui l’intuizione fu tanto semplice quanto rivoluzionaria: da quel giorno i casinò hanno iniziato ad essere conosciuti ed apprezzati da sempre più appassionati del gioco sino a divenire, ad oggi, una vera e propria icona di stile riconosciuta a livello globale. Quello dei casinò, infatti, è un mondo dall’eterno fascino che lega indissolubilmente la propria fortuna all’invenzione di un altro gioco che nel tempo ha acquisito lo status di icona: le slot machine.

L’invenzione del pianoforte

L’Italia, nel corso dei secoli, ha condizionato in modo significativo e profondo anche l’evoluzione della musica, grazie all’invenzione di numerosi strumenti che hanno cambiato per sempre il panorama musicale globale. Molti probabilmente sanno, ad esempio, che il violino, nella sua conformazione odierna, è stato inventato e perfezionato da artigiani italiani, facenti parte alla scuola cremonese. Meno famosa, invece, è la storia che riguarda la nascita, o meglio l’invenzione, del pianoforte. Come raccontato in un recente articolo di The Post Internazionale, il primo a costruire un pianoforte, per come lo conosciamo oggi, fu l’italiano Bartolomeo Cristofori. Il pianoforte, quindi, deve tutto al genio di Cristofori che, partendo dal clavicembalo, dopo anni di studio e tentativi, riuscì finalmente a costruirlo nei primi anni del 1700.

Concert Hall Steinway Piano

Musica dance anni ‘90

Se alla Gran Bretagna va riconosciuto il merito di aver inventato ed interpretato il genere rock dagli anni ’60 in poi, all’Italia va riconosciuto quello di aver inventato un genere che ha rivoluzionato il mercato della musica e la cui influenza si percepisce, con la stessa forza di allora, anche nella musica odierna. Stiamo parlando della musica dance anni ’90 che, grazie ad artisti del calibro di Gigi D’Agostino, Prezioso e Magic Box, ha sconvolto il mercato di quegli anni, segnando per sempre la vita e la cultura di intere generazioni. Il successo della musica Dance anni ’90, tuttavia, non si è esaurito in quell’epoca ma, come detto, è stato alla base dell’evoluzione del genere e numerosi artisti contemporanei, in più di un’occasione, hanno dichiarato apertamente di rifarsi a quanto prodotto in quegli anni.

Il Western all’italiana

Il genere Western è un genere cinematografico che nasce e si diffonde principalmente negli Stati Uniti ma che all’Italia deve, di fatto, la propria definitiva consacrazione e diffusione a livello globale. Il regista che fece esplodere il fenomeno dei cosiddetti Spaghetti Western fu Sergio Leone, vero e proprio genio del cinema e riconosciuto come tale a livello mondiale. Il genere in esame non ha avuto successo solo in Italia ma ha segnato il panorama cinematografico europeo e mondiale, influenzando le opere di due dei più grandi registi contemporanei: Clint Eastwood e Quentin Tarantino. Proprio quest’ultimo si è dichiarato in più di un’occasione un appassionato del genere western all’italiana e, in più di uno dei suoi lavoro, ha reso omaggio all’opera di Leone e di altri film italiani, da ultimo nel suo film Django Unchained, la cui scena finale è accompagnata da un jingle tratto dalla colonna sonora di “ Lo chiamavano Trinità…”, film ancora oggi in vendita in edizione rimasterizzata su Amazon.

Mojave Desert Western California Ghost Town

L’invenzione del personal computer

Diversamente da quanto genericamente ritenuto, il personal computer moderno non è una invenzione statunitense, bensì italiana. Correva l’anno 1965 e la Olivetti, per mezzo della Programma 101, apriva la strada alla rivoluzione digitale che, di li a poco, avrebbe inevitabilmente cambiato la storia dell’umanità. Il lancio del prodotto avvenne in pompa magna a New York il 14 Ottobre del 1965 e, sin da subito, fu un successo senza precedenti. Il PC di Olivetti, per l’epoca, era un vero e proprio capolavoro di ingegneria ed attirò sin da subito l’attenzione degli scienziati della NASA che, come ricordato da La Stampa in un recente articolo, decisero di acquistare quarantacinque esemplari della Programma 101 al fine di completare l’elaborazione delle mappe lunari e della traiettoria della navicella che, nel 1969, con la missione Apollo 11, portò l’uomo sulla luna. Tutto ciò avveniva ben 15 anni prima dell’avvento sulla scena mondiale di altri due personaggi che avrebbe fatto dei personal computer la propria fortuna: Bill Gates e Steve Jobs.

Nonostante i mille problemi che affliggono il nostro paese, sono millenni che gli italiani continuano a “vedere” il mondo con occhio differente rispetto agli altri, a volte, magari, con incoscienza ma, sempre, di sicuro con genialità. Anche se a volte tendiamo a dimenticarlo, l’interno mondo occidentale si fonda sull’imprinting culturale dettato dal nostro paese nel corso dei secoli ed abbiamo contribuito a determinare le sorti dell’umanità in maniera innegabile.

image_pdfimage_print