Comuni

I killer di Giancarlo Siani mantenuti economicamente dalla camorra per 35 anni

Napoli, 26 Maggio – I killer del giornalista Giancarlo Siani, Ciro Cappuccio e  Armando Del Core, comparsi tra gli indagati in un’operazione che ha decapitato il clan Polverino, hanno ricevuto il sostegno economico della camorra per ben 35 anni, nonostante i vari passaggi di mano nel controllo del territorio maranese.

“Non è certo una novità che la camorra provveda al sostentamento dei propri affiliati quando questi finiscono in carcere. Il fatto più sorprendente è che i soldi abbiano continuato ad arrivare puntuali per 35 anni nonostante i vari cambi di potere che si sono avuti nella zona di controllo dei Polverino. Ed è li allora che bisogna intervenire per indebolire il sistema camorra, bisogna recidere il cordone ombelicale del denaro tra i vertici e gli affiliati, solo colpendo i camorristi nel loro portafoglio li si può danneggiare ed indebolire, senza il sostentamento economico la camorra perderebbe molta manodopera e fedeltà. Occorrono quindi indagini veloci e decise per controllare il flusso dei soldi del sistema criminale senza che esse vengano rallentate ed intralciante dalla macchina burocratica.”– sono state le parole del Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa