Comuni

Campania, Coronavirus. Confapi jr: “Recuperare fondi Ue non spesi”

Il presidente Massimo Di Santis: 11 miliardi per sostenere pmi e consumi

Napoli, 30 Marzo  – «Per salvare l’economia della Campania e dell’intero Meridione occorre recuperare i fondi europei che non sono stati spesi. Si tratta di 11 miliardi di euro che potrebbero essere impiegati per sostenere il tessuto produttivo delle regioni e mantenere i livelli occupazionali».

A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«Gli 11 miliardi di euro erano già stati destinati al Sud, e quindi non sarebbe necessaria alcuna correzione sulle finalità – aggiunge Di Santis -. Anzi, in questo momento queste risorse sono strategiche per impedire la recessione del Mezzogiorno».

«A quanto pare, la stessa presidente della Commissione europea Ursula Von Der Layen si sarebbe detta teoricamente in accordo con questa possibilità – conclude il leader dei giovani imprenditori napoletani -. E dunque non resta che approfittare di quest’occasione. Undici miliardi di euro sono una cifra importante per impedire il default del Sud. Va bene ragionare sulle riaperture delle attività e sui meccanismi di ripresa, ma se non si collegano tutti i fili – produzione e consumi ed export – sarà difficile intravedere la luce in fondo al tunnel».


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa