Comuni

Ancora roghi in Campania, prende fuoco un deposito di frutta a Soccavo

loading...

Napoli, 14 Maggio – Dopo Castel Volturno, Gianturco, Pozzuoli ed Ottaviano, stavolta è il quartiere di Soccavo a bruciare. Nella giornata del 14 maggio, come segnalato da diversi cittadini al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, una densa e nera nube di fumo si è sollevata a causa di un incendio scoppiato, probabilmente, in un deposito orto-frutticolo di Soccavo.

“Siamo preoccupatissimi, troppi incendi in uno spazio così ridotto di tempo, qualcosa non quadra, a questo punto non si può parlare di casualità, è evidente che ci potrebbe essere dietro qualcos’altro. Chiediamo che sia intensificati i controlli sul territorio, non è possibile che si verificano tutti questi incendi, bisogna porre un rimedio e fermarli prima che accada una tragedia. Inoltre bisogna indagare per capire se dietro a questi continui roghi non vi sia la mano della malavita organizzata. Questi incendi sono un colpo inferto alla nostra economia e all’ambiente, bisogna fermare questa sciagura, intanto chiediamo un monitoraggio dell’aria per verificare l’impatto di questi roghi sulla nostra aria.”- sono state le parole del Consigliere Borrelli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.