Comuni

Torre del Greco, la mano della camorra sugli appalti: 7 arresti e 3 milioni di euro sequestrati

Verdi: “Il caso del cantiere Unesco è la punta di un iceberg. La criminalità organizzata continua a fare affari d’oro con i lavori pubblici. Qualora le accuse saranno confermate, condanne esemplari per tutti i colpevoli”

 

Napoli, 4 Giugno – “Seguiamo con estrema attenzione la notizia dell’operazione condotta dai carabinieri su disposizione del gip del Tribunale di Napoli che ha visto finire in manette sette persone a Torre del Greco indagate, a vario titolo, per i reati di concorso esterno in associazione mafiosa e concorso in estorsione con l’aggravante del metodo e delle finalità mafiose. Avrebbero messo su un vero e proprio sistema per il controllo degli appalti nella città corallina. Quanto sta accadendo a Torre del Greco conferma che la camorra continua a fare affari d’oro con le estorsioni agli imprenditori vincitori delle gare. Il caso del cantiere Unesco a Napoli, evidentemente, non è che la punta dell’iceberg di una mano lunga della criminalità organizzata che si sente egemone e non rinuncia a taglieggiare le imprese, costringendole in molti casi a fuggire dal territorio”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Tra gli imprenditori disonesti, quelli che finiscono per diventare conniventi pur di lavorare e quelli che fuggono via, è facile farsi un’idea di quanto la camorra rappresenti ancora oggi una diseconomia che va estirpata con ogni forza. Per questa ragione attendiamo che i giudici vadano fino in fondo. Non deve esserci alcuna agibilità per la criminalità organizzata nei lavori pubblici, sia in fase di aggiudicazione che in fase di realizzazione. Qualora le accuse risultino confermate auspichiamo che i giudici infliggano pene esemplari”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

image_pdfimage_print