Comuni

Si fingono operatori dell’Asl venuti per il tampone, l’assurdo scherzo che spopola sul web. Borrelli e Simioli: “Una pandemia globale non può essere ridotta a scherzo”

loading...

Napoli, 14 Novembre – “Alcuni cittadini ci hanno segnalato un video, che sta diventando virale sui social, in cui un finto operatore dell’Asl, bardato di tutto punto, fa credere ad una signora di dover essere sottoposta a tampone in quanto la vicina era risultata positiva. Uno scherzo di pessimo gusto, messo in atto da diverse persone, tutte intente a riprendere la scena e a prendersi gioco della signora.

Nessuno si è fermato a comprendere la pericolosità e la gravità di quel gesto. Una pandemia globale non può essere ridotta ad uno scherzo, i milioni di morti in tutto il mondo non possono essere derisi in questo modo. Chiediamo a tutti di non emulare un gesto così stupido”. Queste le parole di Francesco Borrelli, Consigliere Regionale di Europa Verde, e Gianni Simioli, conduttore radiofonico de La Radiazza.

“Questo video dimostra come alcune persone non abbiano ancora compreso la gravità e la serietà della situazione che stiamo vivendo. Comportamenti simili rischiano di far calare l’attenzione, di diffondere comportamenti sbagliati e giocano sulla paura delle persone. Nessuno merita la violenza psicologica subita dalla signora, che fuori dalla porta di casa si è sentita gridare deve fare il tampone altrimenti arriva la polizia”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.