Comuni

Saviano, Rassegna Festival Città di Saviano. “‘O Spassatiempo”: da Tufino con “ Napule è nu… palcoscenico” una proposizione diretta da Franco Tortora

Saviano, 11 Novembre – Al via la stagione teatrale: in scena “le compagnie del territorio”; un evento che ha consenso di pubblico per l’iniziativa. Una manifestazione, inserita nell’ambito della Rassegna Festival Città di Saviano. L’iniziativa culturale si deve al Comune di Saviano, Assessorato alla Cultura – Sport- Turismo – Teatro in collaborazione con l’Auditorium Teatro Saviano. La Rassegna è dedicata a Carmine Mensorio, un personaggio di rilievo, di origine savianese, della politica di alcuni anni fa.

La prima compagnia a salire sul palcoscenico savianese è stata “‘ O Spassatiempo” da Tufino con “ Napule è nu… palcoscenico” una proposizione diretta da Franco Tortora, regista del gruppo teatrale. In questa edizione, della Rassegna, ci sono delle importanti novità: una manifestazione che è cresciuta dal punto di vista qualitativo oltre che culturale come consenso di pubblico dal punto di vista organizzativo; in ogni edizione c’è grande attesa. La novità è l’inserimento di un direttore artistico della manifestazione; una figura responsabile che è tesa al miglioramento della situazione esistente; l’incarico è per Nunzio Della Marca un attore che si è distinto in alcune occasioni; l’ultima è stata una proposizione di una commedia musicale proposta, di recente, al teatro Umberto di Nola.

Lo stesso dirigerà una scuola di recitazione, che a breve partirà secondo programma, nel mese del prossimo gennaio, allo stesso Auditorium. In scena la compagnia “‘ O Spassatiempo”: “ Napule è nu… palcoscenico”; una proposizione che è la vita di un quartiere, forse di una città. La scena è ambientata in una città di una volta; i tempi andati, dove i venditori ambulanti passavano con le loro caratteristiche comunicative, originali che caratterizzavano l’aspetto quotidiano; il loro vociare scandiva gli aspetti del tempo, il loro passare era un modo caratteristico che esprimeva cordialità ma anche trattativa commerciale; un mondo storicamente scomparso dopo l’avvento delle catene commerciali.  

È, in scena, un esempio dei mestieri di una volta; in palcoscenico un semplice ciabattino con il suo banchetto nello spazio antistante a un portone di un palazzo. Un portiere di palazzo interpretato dallo stesso regista, con tanto di divisa, che ogni giorno ne vede di tutti i colori, personaggi; alcuni di loro, che non hanno un modo di parlare convenzionale ma del tutto personalizzato. Non manca niente per la descrizione di un quadro scenico: il portiere di palazzo ha una bella figliuola che ha uno spasimante che le dedica la classica serenata; un metodo alquanto romantico oggi ampiamente superato! equivoci comici che irrompono in scena. Un ipotetico amante che cerca di trovare soluzione ai suoi intenti non proprio leciti, idealizzati secondo il proprio sentimento non ricambiato; un avvocato che non ha proprio una bella pronuncia e che ricorda vagamente un personaggio scarpettiano di una celebre opera; difficoltà ed equivoci di frasi che ne alterano il significato in un susseguirsi di comicità. Non mancano i classici pettegolezzi tra signore dirimpettaie che si traduce in un continuo comico e ironico; invenzioni di sala pianta in un gioco su chi prevalga sull’altra.

La scena di un pullman, stilizzato sullo fondo, dove personaggi salgono anche senza biglietto suscitando, in alcune circostanze, l’ira di uno spazientito controllore. Una ragazza che sogna di diventare ballerina del San Carlo, una coppia madre e figlia; una madre che spera, cinicamente, in un buon partito per la figlia; non manca niente per la descrizione di una vita sociale.  L’attenzione è sì focalizzata sulla strada antistante a un palazzo con portone; il quadro è esteso a tutti gli strati sociali, dove la vita, qualcuno, qualche critico, la vuole più semplice e meno caotica di quella attuale.  La scena, ha previsto brani, classici, musicali adatti per la narrazione scenica, prevedeva alcuni filmati sulla vita di una volta; non potuti esibire per motivi tecnici; ha assicurato il regista che nelle prossime occasioni, in qualche maniera ci si attiverà, saranno presentati comunque al pubblico in un breve spazio assegnato.

Una rappresentazione proposta sì in condizioni d’imprevisto e che ha riscosso, lo stesso, graditi consensi; tra altro, una di quelle curiosità che raramente accadono, un’attrice è arrivata, all’Auditorium, in leggero ritardo per motivi di traffico cittadino; qualche attimo di tensione ma quest’ultima entrata quasi subito in scena ha dimostrando grande competenza.

Meritano citazione, oltre il direttore di scena Pino Agus, gli attori: Mimì Manganiello, in scena è il ciabattino, il regista Franco Tortora, Nunzia Masucci, Raffaele Allocca, Carmela De Rosa, Domenico Ercolino, Antonella Napolitano, Giovanna Acerra, Stefania Acierno, Anna Menna, Chiara Silvestre, Checco Milo, Nello Tramontano, Vladimir Mirabile, Sergio Spampanato, Salvo Sentenza, Nello Perna, Antonio Tramontano e infine Mariagrazia Milo. Prima dell’inizio dello spettacolo, sul palco, vi è stato l’intervento del Sindaco di Saviano, Carmine Sommese per la presentazione ufficiale. Sul palco il direttore del teatro Giovanni Palladoro per la presentazione del direttore artistico dell’Auditorium  e per la testimonianza di un assessore del Comune di Tufino. Inoltre oltre la presentazione al pubblico di una stilista che ha la sua attività nel territorio savianese; ha presentato, per l’occasione, un suo modello è intervenuta sul palco una rappresentante del A.M.A.M.I., Stefania Ferraro, un’associazione che ha un progetto interessante nell’ambito dei viaggi, in tema di pellegrinaggi religiosi a Lourdes.

Antonio Romano

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.