Comuni

Nola, La Festa dei Gigli in miniatura: il Plastico di Piazza Duomo

loading...

Nola, 7 Giugno – La cerimonia inaugurale si è svolta nel cortile del Museo Archeologico, dove si è provveduto a realizzare una nuova pavimentazione. Erano presenti: Filippo Annunziata Amministratore Unico di “Facile Impresa”, Vittorio Scafuro, uno degli artisti per la realizzazione di un plastico che riproduce Piazza Duomo, il Direttore del museo Giacomo Franzese, il Sindaco di Nola Gaetano Minieri, il Presidente dell’associazione Movimento Piazza D’Armi Alberto Ruggiero, l’On. Paolo Russo deputato di Forza Italia. Inoltre presente Mariangela Cignarella delegata di Confartigianato che ha parlato, tra altro, di un concorso e del relativo progetto in materia di ripartenza economica e infine in qualità di moderatore Antonio Russo, Giornalista.

Tra il pubblico erano presenti alcune autorità: il Sindaco di San Paolo Belsito e il Sindaco di Casamarciano, Carmela De Stefano. Per l’occasione era stata invitata Mara Carfagna, Ministro per il Sud e la coesione territoriale; non è stato possibile per il Ministro essere presente; ha fatto, in ogni modo, pervenire una lettera nella quale esprimeva il suo apprezzabile pensiero per Nola, per il Movimento Piazza D’Armi. La riflessione scritta da Mara Carfagna è stata letta, pubblicamente, da Ingrid De Simone.

La tradizionale Festa dei Gigli, com’è noto, non avrà luogo; in questa edizione non sarà possibile vivere la Festa nella maniera tradizionale per ovvie ragioni legate alla pandemia covid.  Il Movimento Piazza D’Armi, ha pensato bene di continuare il senso e lo spirito della Festa; ha deciso di far proseguire la Kermesse nolana creando la “Festa dei Gigli in miniatura”. Un’iniziativa di straordinario consenso; la presentazione di un sorprendente plastico che riproduce la parte centrale del percorso dei Gigli; i tradizionali obelischi di legno e cartapesta.  Un percorso, una fase della Festa, immortalata nella domenica più apprezzata dai nolani e dai turisti provenienti da ogni parte. Il plastico riproduce Piazza Duomo e i vicoli si diramano; tutti gli edifici, oltre naturalmente, ai Gigli, riprodotti fedelmente e in scala 1:100.  A dare vita all’iniziativa, il Movimento Piazza D’Armi, il direttore del Museo Storico Archeologico di Nola.

In una sala del Museo il plastico potrà essere ammirato anche dopo il termine della mostra temporanea fissato al 30 giugno 2021. A realizzare l’opera sono stati un gruppo di 7 artisti. “Già negli anni scorsi, –  commenta Alberto Ruggiero, Presidente dell’associazione Piazza d’Armi, –  abbiamo organizzato diverse mostre di Gigli in miniatura: l’iniziativa di quest’anno rappresenta quindi la logica evoluzione di questo percorso. L’iniziativa, –  aggiunge il direttore del Museo Arch. Giacomo  Franzese, – si inserisce nell’ambito di un Progetto di valorizzazione dell’arte della cartapesta nolana e del patrimonio immateriale che il Museo Storico Archeologico di Nola, sede della Direzione Regionale Musei Campania, ha avviato dal 2016 e che vede la partecipazione di numerose associazioni e operatori del settore.”  A tutti i relatori è stato consegnato un piccolo esemplare, un modello di Giglio; la parte il legno portante; non a caso sono stati disposti, ai lati del tavolo dei relatori, due modelli di Giglio di legno di consistente altezza; opere di notevole pregio di artisti locali.

Antonio Romano

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.