Politica

Inchiesta della Corte dei Conti, alloggi popolari occupati senza titolo: 16 milioni di euro di danni ad Aversa

Verdi: “I comuni devono procedere immediatamente con gli sfratti, nessuna agibilità per chi agisce nell’illegalità. Spesso gli occupanti abusivi sono continui alle organizzazioni criminali”

 

Napoli, 4 Giugno – “L’inchiesta della Corte dei Conti sul caso di mala gestio relativo agli alloggi comunali di edilizia popolare ad Aversa riporta sotto i riflettori il problema dell’occupazione abusiva delle case popolari. Il danno economico, derivante dalla mancata corresponsione dei canoni o delle indennità di locazione, sarebbe di circa 16 milioni di euro. Ma il problema non è circoscritto alla cittadina del Casertano ma è esteso alla stragrande maggioranza dei comuni della nostra regione. Le amministrazioni devono procedere immediatamente con gli sfratti, liberando gli appartamenti e ristabilendo la legalità nelle palazzine di edilizia popolare”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Il tema del danno erariale, che rappresenta uno sprofondo da milioni di euro, è parallelo ai problemi connessi ai fenomeni di illegalità legati alle occupazioni abusive degli appartamenti popolari. In molti casi è stato documentato che gli occupanti sono legati a vario titolo alle organizzazioni criminali attive sul territorio”.
 


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa