Comuni

Coronavirus, Pisani(noiconsumatori.it):”Pronti a sostenere medici nei tribunali ma no a scudo penale per nessuno”

Napoli, 6 Aprile – “Condividiamo lo stato di agitazione proclamato dai medici che chiedono giustizia per essere stati fin troppo esposti al contagio da una politica evidentemente disattenta e superficiale. Dopo aver già diffidato le Asl e le Regioni per i mancati prelievi coi tamponi e la grave carenza di dispositivi di protezione, siamo pronti ad affiancarli con tutte le nostre forze e in tutta Italia nella loro battaglia, ma come ci siamo dichiarati assolutamente contrari allo scudo penale per i politici e i datori di lavoro, allo stesso modo non condividiamo quello per i sanitari e non lo sosterremo”.

Lo afferma l’avvocato Angelo Pisani presidente nazionale di noiconsumatori.it, per il quale “sarebbe assolutamente sbagliato qualsiasi tentativo di seppellire la giustizia scagionando eventuali condotte illecite da responsabilità penali, amministrative o civili”. “Pretendere giustizia per le vessazioni subite è una battaglia di civiltà e di rispetto di una professione medica fin troppo calpestata – dichiara  Pisani –  ma è proprio in nome di questa battaglia che vuole onorare i valori di giustizia della nostra civiltà che bisogna rifiutare questo scudo che, come un provvedimento da regime, porrebbe fine allo Stato di diritto”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa