Cronaca

Coronavirus, a Bergamo dimesso il primo neonato positivo

loading...

Bergamo, 19 Marzo – Nella tragedia di questi interminabili giorni, nei quali si apprendono notizie sempre più disastrose a causa di un contagio crescente e di diverse vittime del Covid-19, ecco spuntare la luce tra le nubi funeste. La bellissima notizia della guarigione del primo neonato positivo di Bergamo, ha senza dubbio rianimato le speranze e reso felici tante persone che attendevano questa stupenda notizia.

Il bimbo è nato l’11 febbraio 2020 all’ospedale di Alzano Lombardo e dopo alcuni giorni di vita ha manifestato febbre alta. Immediatamente è stato ricoverato, insieme alla mamma, il 3 marzo presso l’Ospedale “Papa Giovanni XXIII”, che è la struttura ospedaliera più importante di Bergamo. In quella circostanza, dopo i dovuti accertamenti, la madre è risultata positiva al Covid-19 come il figlioletto di appena 22 giorni, mentre il padre è risultato negativo.

 Nel nosocomio bergamasco sono attualmente ricoverati altri tre bambini positivi, ricoverati rispettivamente a 11 giorni, 22 giorni e 35 giorni di vita, ma non sono in pericolo di vita. La notizia che incoraggia è quella che nel reparto neonatale continuano a nascere bambini negativi al Covid-19 da madri positive.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.