Politica

Campania, Ciarambino (M5S):”Caso Pozzuoli colpa di cattiva gestione sanitaria, non dei comportamenti dei cittadini”

loading...

Interrogazione della capogruppo regionale: “Misure da sceriffo inutili se si consente promiscuità tra pazienti contagiati e non e i sanitari lavorano senza dpi adeguati”

 

 

Napoli, 14 Aprile – “E’ ora di smetterla di riversare sui cittadini la responsabilità di un nuovo incremento dei contagi, con annunci di provvedimenti ancora più restrittivi che hanno il sapore di una minaccia. Non possiamo immaginare di uscire da quest’emergenza esclusivamente con le misure da sceriffo e perpetui richiami al senso di responsabilità, se non cominciamo a mettere in campo risposte altrettanto responsabili alle criticità di un sistema sanitario regionale che fa acqua da tutte le parti. Se restare a casa ha consentito in Campania di evitare picchi di contagio ingestibili, è ora arrivato il tempo di mettere a punto un’adeguata strategia sanitaria che finora è mancata e che il presidente della Regione, nonché assessore alla sanità e fino a ieri commissario alla sanità, inizi ad assumersi le sue responsabilità, smettendola di dare la colpa ai cittadini. Se registriamo casi di ospedali lazzaretto non è certo per comportamenti civici non in linea con le prescrizioni. Il caso emblematico di Pozzuoli è solo l’ultimo di un lungo elenco che comprende Cardarelli, Monaldi, San Leonardo di Castellammare e i presidi di Avellino e Ariano Irpino. In ospedali come quello di Pozzuoli i percorsi per i pazienti Covid non solo non sono separati, ma viene consentito l’accesso a sospetti casi di Covid senza un filtro pretriage, con alto rischio di venire a contatto con altri pazienti e un’elevata probabilità di infettare personale sanitario che opera spesso a mani nude o con dispositivi di sicurezza non adeguati”. Lo denuncia la capogruppo regionale M5S e responsabile nazionale sanità Valeria Ciarambino, che ha presentato un’interrogazione sulla situazione preoccupante nell’area flegrea a seguito del contagio di sanitari e degenti nell’ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli. 

“Appare chiaro che il piano di implementazione dell’offerta ospedaliera dell’Asl Napoli 2 Nord risulta inadeguato e imprudente – denuncia Ciarambino nel suo atto – per non aver contemplato la concentrazione in Covid hospital dei pazienti contagiati, o comunque per non aver previsto reparti Covid dedicati. Così come è evidente che l’origine di un’eventuale diffusione del contagio in quell’area sarà probabilmente da collegare al focolaio dell’ospedale Santa Maria delle Grazie, dunque imputabile a una malandata gestione a livello sanitario e non certo a presunti cattivi comportamenti dei cittadini”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.