Comuni

Vergogna nel Napoletano, bracconieri appostati in auto cacciavano illegalmente volatili

Borrelli (Verdi): “Veri e proprio delinquenti, la caccia illegale rappresenta un attentato all’ecosistema e alla biodiversità. Perseguire i responsabili con la massima determinazione”

 

 

Napoli, 22 Ottobre –  “Cinque persone sono state denunciate in un’operazione condotta dai carabinieri forestali contro la caccia illegale. Tali soggetti operavano nelle campagne tra Casalnuovo, Acerra e Marigliano, sparando ai volatili direttamente dalle auto. I bracconieri usavano richiami acustici vietati. Pare che questo stile di caccia, secondo quanto riferisce “Il Mattino”, è particolarmente diffuso e alimenta il mercato nero della selvaggia destinata alla ristorazione. Per quanto ci riguarda soggetti del genere sono dei veri e propri delinquenti che meritano di essere perseguiti con la massima determinazione”.

Lo afferma il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “La caccia illegale – prosegue Borrelli – rappresenta un vero e proprio attentato all’ecosistema e alla biodiversità. Occorre il massimo impegno da parte di istituzioni e forze nell’ordine nel censurare tali fenomeni. L’attività venatoria condotta secondo criteri criminali deve essere combattuta con ogni mezzo. Purtroppo ancora oggi, nel mondo della caccia, persistono delle sacche di illegalità che finiscono per impoverire la fauna. Un delitto che non possiamo permettere tenendo conto che gli uccelli, così come gli altri animali selvatici, rappresentano patrimonio inestimabile”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa