Comuni

Carbonara di Nola, inaugurata panchina rossa e convegno “Una mano…contro la violenza sulle donne”

 

Carbonara di Nola, 26 Novembre – Il Comune di Carbonara Di Nola in collaborazione con l’Associazione Culturale Naturae e con l’I.C. A. De Curtis Plesso di Carbonara Di Nola, il 25 novembre ha voluto commemorare la giornata mondiale contro la violenza sulle donne con due momenti distinti, ma che seguivano un unico filo rosso.

In mattinata con grande partecipazione della scuola, una significativa panchina rossa è stata dipinta nella Villa Comunale, e sono stati letti gli elaborati preparati dagli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado, tanti messaggi di rispetto e gentilezza nei confronti della Donna, uno fra tutti il passaggio di fiori, offerti dall’Amministrazione Comunale, che ogni ragazzo ha donato alle compagne di classe.

I saluti del Sindaco Antonio Iannicelli e dei Consiglieri: delle Politiche Sociali Avv. Antonio Sorrentino, della Scuola ed Istruzione Salvatore Aschettino e della Valorizzazione del Verde Urbano Vincenzo Sepe che ha aggiunto: “Oggi abbiamo cercato di trasmettere alle giovani generazioni che saranno gli uomini di domani che i diritti delle donne sono una responsabilità di tutto il genere umano; lottare contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne è un obbligo dell’umanità. Il rafforzamento del potere di azione delle donne significa il progresso di tutta l’umanità. Anche noi nella nostra piccola comunità abbiamo dipinto di rosso, come simbolo di questa lotta, una Panchina che sia di monito per tutte le generazioni future.”

Il messaggio della Prof.ssa Adele Mauro Socia dell’Associazione Naturae rivolto ai giovani presenti ha voluto ribadire il concetto per il quale la Scuola si fa carico nell’educare i ragazzi fin da piccoli ad avere rispetto per l’altro, e che bisogna insistere, perché i bambini oggi vivono in una società fuorviante, ma anche la famiglia deve avere questo compito così importante. Non bisogna permettere che ci sia prevaricazione, il rispetto dà dignità, serenità e ruolo nella società. Inoltre è indispensabile fare capire ai ragazzi che non devono nascondere ciò che gli accade, e di aprirsi senza vergogna ed indugi con i propri genitori e gli insegnanti.

Il secondo momento dedicato al Convegno “Una Mano… contro la violenza sulle Donne”, si è aperto con il discorso del Sindaco di Carbonara Di Nola il Dott. Antonio Iannicelli (di cui il video), in una cornice espositiva di quadri che raffiguravano la donna nei vari aspetti della quotidianità, (Galleria d’Arte Riquadro), gli elaborati degli alunni, e un’opera che rappresentava il femminicidio  (Francesca Sgambato ‘LiberArt’).

A seguire la meravigliosa lettura del Monologo ‘Basta un attimo’ tratto dal libro “Conto i passi – Storie di disamore” dell’autrice la Prof.ssa Michela Buonagura, con una sua breve riflessione.

Sul tema interviene la giornalista Rosa Ferrante, Presidente dell’Associazione Naturae:” Da donna esprimo la mia solidarietà a tutte quelle donne che vivono una condizione di estrema sofferenza e non hanno la forza e il coraggio di denunciare. Desidero ringraziare l’Amministrazione  Comunale, ed in particolare il sindaco per l’invito offerto all’Associazione Naturae nel prendere parte ad una tematica così importante. Credo che sia doveroso approfondire il problema della violenza, affinché si possa dire basta alle lacrime, alle urla e al dolore silenzioso di donne marchiate nel corpo e nell’anima”. Infine il saluto del Dirigente Scolastico Francesco Furino, letto dalla Prof.ssa Gianfranca Casalino, e il messaggio educazionale ed il ruolo della scuola e della famiglia.

Presenti due psicologhe cliniche la Dott. ssa  Filomena Dello Iacono e la Dott.ssa Lucia Ferraro del Centro FKT di Lauro, che hanno parlato della violenza sulle donne, il femminicidio, e lo stolking. Infine le considerazioni sul tema e la lettura di una poesia  Alda Merini “Quelle come me”  a cura della Prof.ssa Diana Menna.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa