Politica

Tangenziale di Napoli si prepara alla gestione pubblica. La proposta di Borrelli e Simioli: “Abbattiamo i pedaggi del 50-80% e riduciamo i costi del pedaggio per i napoletani”

loading...

Napoli, 17 Luglio – Fa ancora discutere il nuovo accordo che taglia fuori il gruppo Benetton dal potere decisionale nella società Autostrade.

Le nuove scelte aziendali andranno ad incidere anche sulla gestione delle Tangenziale di Napoli, anch’essa facente parte della società Autostrade ed è l’unico asse viario in Europa interno a una città a pagamento.

Il Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli ed il conduttore radiofonico Gianni Simioli hanno, durante la trasmissione radiofonica “La Radiazza”, lanciato una nuova proposta riguardante propria la Tangenziale ed il pedaggio.

“Abbiamo fatto una battaglia lunga dieci anni per far eliminare il pedaggio dalla tangenziale. La soluzione migliore oramai dato che i costi di tangenziale sono sempre più bassi e dato che una parte degli utili vanno da tempo nelle tasche dei Benetton abbiamo pensato che si potrebbe ridurre il pedaggio dal 50 all’ 80%, il cui ricavato in parte andrebbe a coprire i costi di gestione mentre un’altra parte ridurrebbe notevolmente i costi di passaggio per i napoletani.” spiegano Borrelli e Simioli.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.