Comuni

Scisciano. La maestra Antonietta va in pensione: ” Ho il cuore a pezzi per dover lasciare tutto “

Dopo oltre 40 anni di insegnamento, la maestra si congeda dai suoi alunni con un’emozionante lettera: “La pensione non è un traguardo, ma la linea magica di un orizzonte dove poter rallentare per raccogliere i sogni di una vita”.

 

Scisciano, 2 Luglio – Ultima campanella della maestra Antonietta che saluta alunni e colleghi. Ieri è stata una giornata davvero molto speciale per Antonietta Liglia maestra da oltre 40 anni che ha raggiunto il meritato pensionamento. La maestra si è dedicata con professionalità e passione ai suoi alunni. Nella sua ultima esperienza ha portato a termine la classe della Scuola dell’infanzia, plesso Frascatoli – Scisciano. Un impegno costante, il suo, che ha ricevuto il riconoscimento  dal personale della Scuola, colleghi e  genitori. 

 

La toccante lettera di commiato

Sono arrivata alla fine di un percorso iniziato nel lontano anno scolastico 74/75.
I ricordi sono tantissimi e non è facile metterli in ordine e raccontarvi tutti.
La mia scuola, la mia seconda casa. Oramai sono passati tanti anni. Per più di 40 anni ho fatto la maestra. Un mestiere che rimane il più bello del mondo.
Ora è tempo di andare in pensione. Se ripercorrono come un film, rivedo le facce, gli occhi, le voci, le storie di tanti e tanti bambini, ora diventati più che adulti con cui ho condiviso emozioni, scoperte, la fatica e la ricerca di un percorso per imparare e per diventare grandi.
Grazie per la fiducia, l’affetto, la gratitudine che mi avete sempre testimoniato; per avermi permesso di giocare, imparare, apprendere e di crescere insieme ai vostri bambini. Guardare il viso di un bambino che spesso ti chiama mamma, che ti abbraccia o ti dice : maestra sei bellissima, è una sensazione indescrivibile. Naturalmente la mia gratitudine va anche alla mia famiglia, a mio marito ma soprattutto ai miei figli ai quali molto spesso ho dovuto togliere tempo prezioso per prepararmi ai miei lavori scolastici.
Un grazie va alla mia collega Maria, per avermi accettata con i miei difetti e le mie manie. Sono stata proprio fortunata nell’averti avuto accanto. Ci siamo completate a vicenda con i nostri caratteri molto diversi ma rispettose l’una dell’altra.
Abbiamo lavorato fianco a fianco, ci siamo confrontate, divertite e a volte, consolante sempre in sintonia e nel rispetto reciproco.
Ringrazio altre colleghe con cui ho lavorato con serenità ma ringrazio soprattutto coloro che non mi hanno accettate e dico a loro è stato un momento di crescita.
Mi dispiace e ho il cuore a pezzi per dover lasciare tutto questo ma sento che è arrivato il momento di dire basta.
Io non vi dimenticherò mai perché è impossibile dimenticare le persone che nel tempo ti hanno voluto bene e alle quali hai dedicato, con tanto amore, gran parte della tua vita
Grazie a tutti e buona scuola a chi rimane.

Maestra Antonietta Liglia


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa