Comuni

Scampia, Cassonetti della differenziata dati alle fiamme: cittadini costretti a respirare fumi tossici

Napoli, 14 Giugno – “Ancora due episodi di cassonetti della raccolta differenziata dati alle fiamme. E’ accaduto a Scampia e in via Emilio Scaglione. La scena è sempre la stessa e si ripete oramai da troppo tempo. Le fiamme che avvolgono i contenitori, in questi due casi della plastica, il fumo acre e nero che inonda gli stabili vicini, i cittadini costretti a respirare veleni e i vigili del fuoco che accorrono per domare le fiamme. Traffico interrotto e forze dell’ordine mobilitate per riportare la normalità.

Un danno complessivo alla nostra comunità di assoluto rilievo se pensiamo a uomini e mezzi messi in campo per fronteggiare la scelleratezza di alcuni nostri concittadini, e alla difficoltà di approvvigionamento delle aziende di smaltimento di nuovi costosi cassonetti. A pagarne le conseguenze, nemmeno a dirlo, i residenti che oltre al danno per la salute aggiungono la beffa di un servizio più carente. Da tempo sollecito le forze del’ordine a monitorare se dietro tutto questo si nasconda un disegno preciso o se si tratti semplicemente di tanta tanta stupidità umana”. Queste le parole del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto foto e video segnalazioni sui due roghi.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa