Attualita'

PROPOSTA DECENTE, MA…

Napoli, 23 Novembre – Nel primo pomeriggio di ieri, commentando sui social la disfatta della nazionale Argentina contro l’Arabia Saudita nella partita valida per la fase a gironi della Coppa del Mondo, ho posto l’accento sul vizio della superficialità: difatti, sebbene tutti dessero per favorita la Selección, quest’ultima, convinta di essere tecnicamente superiore, ha praticamente smesso di giocare una volta terminata la prima frazione di gara, rimediando un’autentica figuraccia.

Ho apprezzato, però, il gesto di Lionel (Leo) Messi, capitano della squadra Albiceleste, per essersi pubblicamente scusato sia con gli Argentini sia con tutti gli appassionati di calcio, asserendo – giustamente – di non aver scusanti per l’insuccesso in questione, frutto, appunto, di un’evidente superficialità.

Ridestandomi quest’oggi dalla siesta pomeridiana (più lunga del solito, a fronte di un leggero mal di testa accusato dopo pranzo), ho dato uno sguardo all’edizione digitale de “La Repubblica”, notando che il Ministro dell’Istruzione, l’autorevole giusromanista Giuseppe Valditara, aveva formulato, nelle more, la proposta di revocare il Reddito di Cittadinanza agli Italiani compresi nella fascia d’età tra i diciotto ed i ventinove anni che non abbiano completato l’iter scolastico.

A parte la fascia anagrafica oltremodo ristretta, condivido appieno tale proposta: ho avuto modo d’osservare, giust’appunto, che molti Concittadini (alcuni dei quali, ahi noi, avanti negli anni) faticano ad esprimersi correttamente in Italiano, finanche allorquando v’è da illustrare all’acconciatore la tipologia di taglio o trattamento desiderata, oppure quando occorre illustrare al medico od al farmacista il malessere patito e/o il farmaco che si è soliti assumere per porvi rimedio.

Lo scenario non è dissimile quando attendo l’Intercity di cui mi servo da anni per raggiungere la meravigliosa Calabria: pensate, stimatissimi Lettori, che un individuo, prossimo alla settantina (dunque, non aveva vissuto durante il secondo conflitto mondiale), mi chiese se il treno che ci accingevamo a prendere passasse o meno per Salerno, segno evidente che le di lui conoscenze in geografia erano a dir poco scarse. Dato preoccupante, non trovate?

Di certo non è mio fine addossare la colpa a chi, per una molteplicità di cause, non è riuscito a terminare il proprio percorso di studi, ma quanto ho desunto è, purtroppo, una triste realtà: l’ignoranza dilaga ovunque, e ciò è invero pernicioso per la società.

La proposta del prof. Valditara, tuttavia, non rappresenta, a parer mio, l’unico rimedio alla piaga dell’ignoranza: durante la mia esperienza di tutor (scolastico ed universitario) mi sono interfacciato con scolari e studenti che non nutrivano alcuna passione per le discipline curricolari, la qual cosa, il più delle volte, costituisce il risultato di un’evidente mancanza di volontà in capo ai docenti, a molti dei quali manca, purtroppo, quell’empatia necessaria all’esercizio della loro nobilissima professione.

Alla luce di quanto sinora descritto, appare evidente che la proposta del Ministro Valditara è senz’altro adeguata, ma io ritengo che vada integrata con l’inasprimento – conformemente, si badi, alle disposizioni costituzionali circa la libertà d’insegnamento – delle sanzioni previste dalla disciplina di settore e dalla contrattazione collettiva per gli insegnanti assenteisti e/o che assumano un comportamento suscettibile di ledere la dignità dell’allievo, ovvero di ostacolarne lo sviluppo personale e culturale.

Guai, dunque, a chi, fingendo di promuovere cultura, trascende nell’egocentrismo e/o nell’altezzosità, nonché a chi ritiene che uno scarno bonificuccio mensile possa servire a sconfiggere l’indigenza!

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.

Lascia un commento