Cronaca

Pomigliano sotto shock: Due suicidi in poche ore

Pomigliano d’Arco, 23 Giugno – Due tristi eventi hanno segnato la giornata di ieri 22 giugno a Pomigliano d’Arco. Due suicidi hanno lasciato la città in preda allo sgomento più assoluto. Il primo si è verificato intorno alle 19:00 nella zona di Via Cristoforo Colombo: dove una signora sulla sessantina si sarebbe lanciata dal tetto di un’elegante palazzina composta da due piani.

La donna non avrebbe lasciato nessun biglietto, ma alcune circostanze hanno fatto ritenere l’assenza di dubbi sul gesto compiuto.
Il secondo suicidio invece si sarebbe consumato tra la notte di domenica e lunedì, ma il cadavere è stato rinvenuto solo nella serata di ieri in un’abitazione di via Principe di Piemonte, e più precisamente in via Palermo. Un 47enne che viveva solo ha deciso di farla finita sparandosi un colpo di pistola alla tempia.

Tormentato da diverse situazione personali, poco prima dell’estremo gesto, ha inviato un messaggio alla compagna dalla quale si stava separando.
Sul posto in tutt’e due i casi sono giunti i carabinieri di Pomigliano d’Arco agli ordini del Comandante Scappaticci e il medico legale la dott.ssa Franca Trotta per i rilievi del caso e ricostruire la dinamica degli accaduti. Le salme sono state consegnate alle famiglie.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa