Comuni

Scampia, incendiati ancora una volta i cassonetti della differenziata

Napoli, 22 Giugno – Ancora una volta nel quartiere di Scampia dei cassonetti della raccolta differenziata vengono dati alle fiamme. L’episodio si è verificato durante la giornata del 22 giugno ma è una scena che si ripete sempre uguale ormai da tempo immemore.

Il fumo nero e denso l’odore acre sprigionati dalle fiamme hanno allarmato i cittadini che hanno segnalato l’accaduto al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.

“E’ un fenomeno che sta diventando un po’ troppo frequente in maniera preoccupante. Questi roghi creano dei danni economici, perché ogni volta è richiesto l’intervento dei Vigili del Fuoco e delle forze dell’ordine e la reinstallazione di nuovi cassonetti, e danni ambientali e alla salute dei cittadini.

Appena ricevuta la segnalazione abbiamo provveduto ad allertare i Vigili del Fuoco ed inoltre vorremmo capire, attraverso delle indagini delle forze dell’ordine, se dietro a questi ripetuti incendi ai cassonetti si celi una mano criminale con un disegno ben preciso oppure si i tratti solo di idiozia.  Abbiamo chiesto, inoltre, all’Arpac di effettuare dei rilievi dell’aria in queste zone per verificare l’entità dei danni ambientali causati da questi roghi.” – ha commentato il Consigliere Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa