Comuni

Napoli, Solidarietà: doni LILT ai degenti dell’Istituto Pascale

loading...

Napoli, 16 Gennaio – Pacchi-dono con prodotti alimentari generosamente ricevuti dalla Parmalat sono stati distribuiti oggi agli oltre 200 degenti dell’Istituto Nazionale Tumori “G. Pascale” di Napoli. A consegnarli, nei reparti, i volontari della LILT di Napoli guidati dal professor Adolfo Gallipoli D’Errico.

“Si tratta di confezioni regalo che abbiamo ricevuto allo scopo da una azienda da sempre al nostro fianco che ringraziamo di cuore. Doni analoghi a quelli che distribuiamo per la tradizionale Festa degli Auguri di Natale – spiega il professor Gallipoli D’Errico –. Omaggi particolarmente apprezzati dai pazienti, segno di una costante attenzione ai processi di umanizzazione delle strutture di ricovero e cura che parte da lontano e che con la distribuzione quotidiana dei giornali e l’apertura della Ludoteca fanno del Pascale un Istituto all’avanguardia in fatto di accoglienza ospedaliera”.

Oltre che dai pazienti che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa, soddisfazione è stata espressa per l’iniziativa dal Direttore Generale dell’Istituto Pascale Attilio Bianchi per il quale “anche e soprattutto iniziative encomiabili come queste fanno la differenza rendendo i luoghi di cura decisamente più accoglienti anche in termini psicologici e sociali”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.