Comuni

Napoli, I seggiolini del San Paolo verranno venduti tramite una piattaforma di crowfunding per finanziare la manutenzione delle palestre scolastiche o per un nuovo campetto

Borrelli e Simioli: “Ottima iniziativa dopo la vergogna dei seggiolini rubati dopo Napoli-Inter, il ricavato servirà per lavori di utilità sociale”

 

Napoli, 21 maggio – “Siamo soddisfatti della decisione dell’assessore allo Sport del Comune di Napoli Ciro Borriello di mettere in vendita i vecchi seggiolini del San Paolo tramite una piattaforma di crowfunding per finanziare la manutenzione delle palestre scolastiche o per realizzare un nuovo campetto in città”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Dopo la vergogna dei seggiolini rubati al San Paolo dopo Napoli-Inter ci fa piacere apprendere che i veri tifosi, quelli rispettosi delle regole, potranno avere come cimelio un pezzo del vecchio San Paolo, quello che ha vissuto i mondiali del ’90, il secondo scudetto e la risalita del Napoli dalla Serie C alla Champions. Allo stesso modo esprimiamo soddisfazione per la notizia che il ricavato sarà impiegato per lavori di utilità sociale”


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa