Comuni

Napoli, Cortili del Palazzo Reale trasformati in un parcheggio

Verdi: “Vergogna che prosegue nonostante le nostre denunce. Garella ci risponda: come è possibile uno scempio del genere?”

 

Napoli, 13 Maggio – “Nonostante le nostre denunce i cortili del Palazzo Reale di Napoli continuano ad essere un parcheggio all’aperto. Ci sono state inoltrate nuove foto che mostrano uno scenario avvilente e assolutamente irrispettoso del pregio storico del luogo”. 

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico di Radio Marte Gianni Simioli. “Restiamo basiti dinanzi a questo spettacolo. Ci chiediamo come possa essere possibile che uno dei luoghi più belli al mondo sia ridotto in questo stato. Eppure la Soprintendenza, in occasione delle precedenti segnalazioni, ci garantì che sarebbe intervenuta. Invece i cortili continuano ad essere un parcheggio. Ci rivolgiamo al soprintendente Garella: come è possibile uno scempio del genere? A chi appartengono quelle automobili? In base a quale autorizzazione sostano lì? Siamo stufi di questa vergogna e attendiamo risposte a strettissimo giro.

Non riusciamo a spiegarci come sia possibile che la Soprintendenza, che spesso si è caratterizzata per un atteggiamento di intransigenza circa il rispetto delle regole, accetti in maniera disinvolta che, a due passi dai suoi uffici, un luogo che rappresenta la storia della città venga violentato in questo modo”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa