Comuni

Incendi, devastazioni e caos, un’altra rivolta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: trasferiti 20 detenuti

Santa Maria Capua Vetere, 2 Luglio – 2 luglio, ancora una rivolta l’interno degli istituti carcerari. Stavolta succede nel carcere di Santa Maria Cupa Vetere dove è avvenuta una rivolta in un reparto di media sicurezza che ospita detenuti comuni e membri della criminalità organizzata.

All’ interno del reparto sono avvenuti incendi   e devastazioni. Anche il reparto femminile è stato colpito dal caos e le donne non volevano rientrare nelle celle.

Dopo i disordini è stato emesso un ordine di trasferimento di 20 detenuti, individuati tra i più facinorosi, dopo che altre persone erano state traferite in seguito alla rivolta dello scorso 13 giugno.

“La situazione è tesa e diventa grave. Chiediamo una repressione totale delle violenze che avvengono all’interno degli istituti carcerai. Ci sono dei detenuti che fanno il bello ed il cattivo tempo, decidono le sorti della vita carceraria, questo non deve più essere concesso.

Il carcere deve servire da punizione e da monito e allora è necessario prendere delle misure affinché alcuni individui rispettino le regole e non prendano il comando della situazione, lo Stato deve farsi sentire.” – ha dichiarato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa