Politica

Forniture di lavoratori interinali nelle strutture sanitarie regionali, lettera del presidente De Luca alle Asl: “Limitare il ricorso all’acquisto dalle agenzie”

loading...

Verdi: “Soddisfatti dalle parole del presidente, è una battaglia che combattiamo da tempo. Basta con i sistemi clientelari”

 

 

Napoli, 20 Febbraio – “Esprimiamo soddisfazione per la lettera inviata dal presidente De Luca alle Asl regionali in cui si invita ad evitare il ricorso alle forniture di lavoratori interinali. Stiamo combattendo da tempo questa battaglia, è arrivato il momento di dire basta ad un sistema costoso e clientelare”.

Lo sostengono il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli e il segretario del Mic Giovanni Petrillo. “Un lavoratore interinale ha un costo sensibilmente superiore rispetto ad un omologo assunto regolarmente. Uno degli ultimi casi, riguardante una fornitura per il Vecchio Policlinico, costerà alle casse della sanità campana 24 milioni di euro. Ricordiamo che tali operazioni, come sottolineato anche nella missiva del presidente De Luca, vanno nella direzione opposta rispetto a quanto indicato dalla Regione Campania nel decreto n. 34 in cui è previsto il divieto, a partire dal 31 dicembre 2018, di acquistare forniture di lavoratori interinali e il graduale disimpegno, alla scadenza, dai contratti già in essere”. 

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.