Comuni

Coronavirus, chiuso il pronto soccorso del San Giuseppe e Melorio di Santa Maria Capua Vetere per caso sospetto. Altri due casi sospetti nel napoletano, al San Giovanni Bosco e al San Paolo

Borrelli: “Attendiamo gli esiti dei tamponi. Niente allarmismi, serve precauzione.”

Napoli, 24 Febbraio – Il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che è anche membro della Commissione Sanità, sta seguendo da vicino le vicende sul territorio campano legate all’epidemia del Coronavirus, in particolare la vicenda di Santa Maria Capua Vetere, dove il pronto soccorso del presidio ospedaliero San Giuseppe e Melorio è stato chiuso per un caso sospetto di Coronavirus.

“A Santa Maria Capua a Vetere il pronto soccorso del San Giuseppe e Melorio è chiuso per la verifica di un caso sospetto di Coronavirus. Mentre al San Giovani Bosco sono ricoverati due giovani 19enni, uno di Monza e l’altro di Milano, mentre all’ospedale San Paolo è ricoverato un 48nne, proveniente da Monza che aveva partecipato alla maratona sul Lungomare.

Ora attendiamo l’esito dei tamponi per capire se davvero ci troviamo di fronte dei casi di Coronavirus. In ogni caso non diamo vita ad inutili allarmismi, serve prudenza e precauzione.” – ha dichiarato il Consigliere Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa