Politica

Casoria, Puzone (FI):”Persi 8 miliardi di euro per importanti opere pubbliche”

Napoli, 3 Gennaio – “L’amministrazione Bene, che presentando in grave ritardo i progetti è stata capace di perdere ben 8 milioni di euro destinati dalla Città Metropolitana ad importanti opere pubbliche cittadine, si è rivelata per quello che temevamo: una delusione assoluta su tutto, sulle emergenze ed anche sull’ordinario, dalla sicurezza al decoro urbano”.

Lo afferma Alessandro Puzone, neo consigliere comunale di Forza Italia a Casoria subentrato a Maria Laura Pugliese recentemente dimessasi, rinviando all’ultima seduta di Consiglio comunale che tra gli altri provvedimenti ha prorogato di ulteriori sei mesi l’approvazione del Puc.

“Non è possibile che un Comune di ottantamila abitanti abbia ancora oggi un piano regolatore degli anni ’80, – incalza a tal proposito l’esponente di Forza Italia -, né è accettabile che un’amministrazione comunale si nasconda dietro l’alibi del deficit di bilancio per non muovere un dito e tutelare solo ed esclusivamente i propri interessi politici”.

Per Puzone, che al momento della votazione dei debiti fuori bilancio ha abbandonato l’aula consiliare per dissenso politico, “siamo di fronte ad una gestione amministrativa ai limiti della legittimità e comunque priva di trasparenza”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa