Politica

Campania, medici aggrediti. Ciarambino e Castellone(M5S):”Si acceleri iter del nostro testo già approvato in Senato”

La coordinatrice nazionale sanità Ciarambino e la senatrice Castellone: “Rendere operativa nostra mozione approvata in Consiglio regionale. Chiesto tavolo in Prefettura”

 

Napoli, 3 Gennaio – “106 aggressioni nel 2019 ai danni di personale sanitario nella sola Asl Napoli 1, a cui vanno aggiunti gli ultimi tre casi in poche ore nei primi due giorni del nuovo anno. Una mattanza senza freni, per arginare la quale sono state individuate da tempo tutte le soluzioni normative opportune. Non resta che accelerare ciascun iter, così da rendere attuative tutte le misure che come Movimento 5 Stelle abbiamo proposto da tempo. Grazie al nostro lavoro in Commissione Sanità al Senato, abbiamo perfezionato il testo di legge in tema di sicurezza per gli operatori sanitari, introducendo un inasprimento delle pene e, in particolare, la procedibilità d’ufficio con denuncia automatica anche senza querela della persona offesa. Approvato all’unanimità, il testo giace ora alla Camera dove non auspichiamo che non sarà presentata alcuna ulteriore proposta di modifica che rischierebbe di far tornare il testo a Palazzo Madama per una nuova lettura. Rivolgiamo il nostro appello a tutte le forze politiche rappresentate alla Camera dei deputati, affinché la questione non diventi un tema sul quale ciascuno voglia apporre la propria bandierina, generando un’ulteriore perdita di tempo che equivarrebbe a continuare a mettere a repentaglio la sicurezza di chi è impegnato ogni giorno a salvare vite umane”. Così la coordinatrice nazionale sanità e capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino e la senatrice M5S e capogruppo in Commissione Igiene e Sanità Maria Domenica Castellone.

“In Regione Campania – ricorda Ciarambino – abbiamo ottenuto di recente l’approvazione unanime di una mozione urgente con la quale abbiamo impegnato la giunta e i dg delle Asl regionali ad adottare, tra gli altri provvedimenti, misure come la formazione degli operatori nel gestire comportamenti aggressivi, sistemi di identificazione di chiunque entri negli ospedali e sistemi sicuri di chiusura delle porte di accesso. In queste abbiamo, d’intesa con sottosegretario agli Interni Sibilia, chiederemo un tavolo alla Prefettura di Napoli, per un confronto con i vertici delle forze dell’ordine regionali e con le rappresentanze di medici e infermieri. Non serve intervenire con decreto, come annunciato dal ministro Speranza. Le soluzioni ci sono. Basterebbe accelerare l’iter del testo alla Camera e rendere attuative le misure proposte per la Campania, regione al primo posto per casi di aggressioni ai danni di personale sanitario”.  


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa