Politica

Campania, Sanità. Di Scala (FI):”A Salerno 1000 bambini senza terapie. De Luca che dice?”

Napoli, 17 Ottobre – “Oggi l’associazione dei centri di riabilitazione convenzionati con l’Asl di Salerno denuncia sulla stampa che ci sono circa 1.000 bambini rimasti senza assistenza perché gli stessi avrebbero sforato i tetti di spesa. IL governatore commissario De Luca ci faccia capire: come mai ha autorizzato la rimodulazione di risorse per 3 milioni per i progetti sui pazienti affetti da disturbi dello spettro autistico e non ha pensato di trovare neppure un centesimo di euro per questi bambini?”. Lo afferma la consigliera regionale campana di Forza Italia Maria Grazia Di Scala.

“Questo è il governo regionale del centrosinistra che vorrebbe uscire dal commissariamento ma programma la sanità fregandosene dei dati epidemiologici”, sottolinea Di Scala.

“Se uno specialista prescrive una terapia – rincara l’esponente di Forza Italia – non c’è e non ci può essere budget che tenga, quelle terapie vanno somministrate. Punto”.

“De Luca spieghi a questi 1.000 bambini perché non possono ricevere le terapie. Comunque intervenga subito e dia risposte concrete: il diritto alla salute, soprattutto di chi ha bisogno e non può permettersi economicamente le cure terapie va sempre e comunque garantito. Basta con i cittadini costretti a rinunciarvi”, conclude Di Scala.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa