Politica

Campania, ragazzi in aula: protagonisti gli alunni della “Leopardi” di Sant’Antimo accolti dal presidente Armando Cesaro

Napoli,  29 Gennaio  – La salvaguardia dell’ambiente, specifiche misure volte a sostenere e a incentivare la raccolta differenziata e il riuso delle cosiddette materie prime secondarie. Sono questi gli obiettivi del progetto di legge regionale presentato ed approvato oggi dagli giovanissimi allievi dell’I.C. “Giacomo Leopardi” di Sant’Antimo diretto dalla professoressa Raffaelina Varriale nell’ambito del Progetto “Ragazzi in Aula” del Consiglio regionale della Campania.

Accolti dal capogruppo regionale di Forza Italia Armando Cesaro che ha presieduto la simulazione della seduta in aula, i giovanissimi legislatori, due gruppi di alunni delle classi IV elementare e seconda media, hanno dunque illustrato, discusso ed approvato il loro progetto di legge. “Sono stati a dir poco straordinari, bravissimi”, ha sottolineato Cesaro a margine dell’iniziativa. “Devo congratularmi con loro e, dunque, con la dirigente scolastica e le insegnanti che hanno preparato gli alunni a questo primo approccio con la politica e le istituzioni regionali in maniera davvero eccellente, esaltando la loro sensibilità e la loro attenzione su temi assolutamente centrali per il loro futuro”, ha poi concluso Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa