Politica

Campania, coronavirus. A. Cesaro (FI):”Appello ospedale S.M. della Pietà va raccolto, depositato interrogazione a De Luca”

Napoli, 31 Marzo – “Ho depositato un’interrogazione urgente al presidente De Luca perché raccolga al più presto la piena disponibilità dei sanitari dell’ospedale Santa Maria della Pietà di Casoria, inspiegabilmente chiuso dalla Giunta,  a scendere in campo nella lotta al coronavirus”. Lo afferma il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro.

“Il Santa Maria della Pietà  – ricorda l’esponente di Forza Italia nella sua interrogazione – è un Presidio Ospedaliero a tutti gli effetti, riconosciuto con Decreto regionale e dotato di numerose Unità Operative e servizi di diagnostica, ed ha quindi tutte le carte in regola, ad esempio, per assistere i pazienti clinicamente guariti dal coronavirus ma costretti all’isolamento sanitario per 14 giorni in attesa della verifica sulla negatività o meno dal virus”.

“De Luca apra alle richieste dei medici di questa struttura così importante per il territorio: rafforzerà la lotta alla pandemia, decongestionerà le altre strutture già operative ma in sofferenza, scongiurerà il rischio di una chiusura definitiva di questo ospedale con tutte le conseguenze occupazionali che potrebbero derivarne”, conclude Cesaro.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa