Comuni

Arzano in costante emergenza rifiuti

Borrelli:” La situazione è tragica. Dobbiamo salvare Arzano con interventi immediati e creando siti di compostaggio.”

 

Arzano, 24 Gennaio – Continua il periodo tragico, dal punto di vista igienico-sanitario ed ambientale, per il comune di Arzano.
L’emergenza rifiuti ed il degrado colpiscono duramente la periferia napoletana, dove l’incuria e lo stato di abbandono si fanno sentire più forte che in città, in particolare Arzano vive un vero e proprio dramma, legato alla questione immondizia, che invade completamente il territorio.

“Continuiamo a monitorare la situazione emergenza rifiuti di tutto il territorio campano, in particolare quello delle periferie. Continuano ad arrivare segnalazioni dai cittadini che denunciano un grave stato di degrado e di abbandono del territorio arzanese, dove sia le strade cittadine che quelle dell’area ASI sono completamente invase dai rifiuti. È un problema ambientale grave, che può avere ripercussioni sulla salute pubblica. Occorre intervenire subito, Arzano deve essere salvata, non può essere abbandonata a sé stessa. Bisogna ripulire subito l’intera area e creare nuovi siti di compostaggio in regione per evitare che l’emergenza rifiuti si ripresenti in futuro.” – ha commentato il Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa