Comuni

Napoli, vergogna in via Settembrini: discarica a cielo aperto a pochi mesi dall’ingresso del Museo Madre

Borrelli (Verdi): “Situazione indegna a due mesi dalla pulizia dei volontari del museo, scempio sotto gli occhi dei turisti e dei cittadini. Incivili fuori controllo in città, decine di segnalazioni ogni giorno. Abbiamo inviato una nota all’Asia chiedendo di bonificare l’area”

 

Napoli, 29 Ottobre – “Alcuni cittadini ci hanno segnalato le condizioni vergognose del tratto di strada di via Settembrini adiacente l’ingresso del Museo Madre, trasformato in una vera e propria discarica a cielo aperto. Dalle foto che ci sono state inviate si evince che è stato sversato di tutto. Una situazione indegna che è proprio sotto gli occhi dei residenti e dei malcapitati turisti che si recano in vista presso il museo di arte contemporanea.  E pensare che l’area era stata ripulita volontaristicamente proprio dai dipendenti del museo non più tardi di due mesi fa.

Purtroppo il caso è un esempio lampante dell’emergenza inciviltà che sta investendo la nostra città. Scene come questa sono comuni a diversi luoghi. Sono centinaia gli angoli di Napoli che sono stati trasformati in piccole discariche dove gli incivili sversano rifiuti differenziabili, ingombranti e speciali che, come noto, dovrebbero essere conferiti in altro modo. Si tratta di un fenomeno trasversale che coinvolge tanto il centro quanto la periferia”.

La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. “Circa il caso di via Settembrini – prosegue Borrelli – abbiamo inviato una nota all’Asia chiedendo di procedere alla bonifica del tratto di strada. La condizione in cui versa rappresenta, tra l’altro, un rischio attuale sotto il profilo igienico-sanitario”.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@sciscianonotizie.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa