Comuni

Una discarica abusiva in piazzetta del Casale a Secondigliano, dinanzi le sedi dell’Asl e della Municipalità

Borrelli e Simioli: “Come è possibile che nessuno se ne sia accorto, purtroppo siamo arrivati all’accettazione passiva del degrado. Abbiamo segnalato ai due enti, le direzioni ci hanno assicurato che provvederanno alla bonifica”

 

Napoli, 24 Novembre – “Siamo rimasti assolutamente sconcertati dinanzi al video realizzato da ‘Bukaman’, alias Alfredo Di Domenico, in piazza del Casale a Secondigliano. Il video mostra una situazione di assoluto degrado, con una discarica abusiva al centro della piazza. Il fatto è aggravato e reso assurdo dalla presenza, nella piazza, delle sedi dell’Asl e della Municipalità che affacciano proprio sulla discarica. Una scena che rappresenta l’accettazione passiva del degrado. Come è possibile che nessuno se ne sia accorto?”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Abbiamo segnalato la presenza della discarica alla Municipalità e all’Asl, le direzioni ci hanno assicurato che provvederanno alla bonifica del sito. La speranza è che, dopo la pulizia, non si venga a ricreare una situazione del genere”.


Caro lettore, SciscianoNotizie.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa