Comuni

Tirrenia, Confapi jr: “No a chiusura, intervengano Ministeri”

loading...

Il presidente Di Santis: azienda ha importanti convenzioni pubbliche

Napoli, 8 Febbraio – «La chiusura della sede napoletana di Tirrenia/Cin è un duro colpo al comparto marittimo non solo campano, ma direi meridionale. Sarebbe opportuno che i ministeri coinvolti, quello dei Trasporti e del Lavoro, facessero sentire subito chiara la loro voce per impedire questa decisione unilaterale di un’azienda che, ricordiamolo, ha in essere importanti convenzioni pubbliche». A dirlo è Massimo Di Santis, presidente del gruppo Giovani Confapi di Napoli.

«Il settore della navigazione vede in Napoli uno degli snodi più importanti del Mediterraneo – ha aggiunto Di Santis -. Immaginare di privare la nostra città del centro operativo/amministrativo di Tirrenia/Cin significa creare ulteriori fibrillazioni dal punto di vista occupazionale non solo per quanti sono direttamente coinvolti dal cosiddetto piano di riorganizzazione della società, ma anche – ha concluso – per tutto l’indotto».

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.