Politica

Sud, Conte (LeU): “Zona economica speciale per gli Appennini meridionali con area no tax”

loading...

Napoli, 7 Febbraio – Una Zes per gli appennini meridionali con una no-tax area nei comuni a rischio spopolamento. La proposta è del deputato di Liberi e Uguali, Federico Conte, che ieri ha visto un suo ordine del giorno accolto dal Governo durante la discussione sulla conversione del cosiddetto decreto semplificazione.

“L’Aula di Montecitorio – dichiara il deputato Conte – ha impegnato il Governo ad assumere iniziative per istituire  il «Parco degli Appennini meridionali», costituito dai parchi nazionali della Campania, della Basilicata, della Calabria e della Puglia, e a individuare su quel perimetro, viste le condizioni di svantaggio, una Zona economica speciale. Ad essa si deve accompagnare, poi, un’area No-Tax per imprese e persone. Si tratta di una proposta che tiene dentro il ruolo di tutela dei parchi e le sfide del futuro, che si chiamano turismo, ambiente, sviluppo sostenibile. Va definita una strategia nazionale per l’Appennino in grado di proiettarlo sullo scenario euro-mediterraneo, con accordi istituzionali tra governo, enti territoriali e locali per rafforzare le buone pratiche e garantire chi vuole investire sul territorio. Una ZES e un’area di fiscalità di vantaggio sono gli strumenti che possono agevolare gli investimenti e fermare lo spopolamento”.

Scisciano Notizie è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie.
 
SciscianoNotizie.it crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] . Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.